Rinnovo concessioni di posteggio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche

Data:
07 Giugno 2021
Immagine non trovata

Premesso che:

- i commi 4-bis e 4-ter, dell’articolo 181, introdotti dalla legge n° 77/2020 di conversione del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, dispongono che “le concessioni di posteggio per l'esercizio del commercio su aree pubbliche aventi scadenza entro il 31 dicembre 2020 - se non già riassegnate - sono rinnovate per la durata di dodici anni. Il rinnovo avviene secondo linee guida adottate dal Ministero dello sviluppo economico”;

le linee guida adottate dal Ministero dello sviluppo economico in data 25 novembre 2020 in ossequio alla predetta normativa, stabiliscono che i Comuni provvedono d’ufficio all’avvio del procedimento di rinnovo ed alla verifica del possesso dei requisiti in capo ai singoli operatori titolari di concessioni al commercio su aree pubbliche, così come fissati nell’allegato A) alla D.G.R. Lombardia N° XI / 4054 del 14/12/2020;

SI RENDE NOTO

Ambito di applicazione

I soggetti cui si rivolge il presente avviso pubblico sono i TITOLARI delle CONCESSIONI per l’esercizio del commercio su aree pubbliche aventi scadenza al 31 dicembre 2020, relative a posteggi inseriti in mercati, fiere e posteggi isolati, ivi inclusi quelli finalizzati allo svolgimento di attività artigianali, di somministrazione di alimenti e bevande, di rivendita di quotidiani e periodici e di vendita da parte dei produttori agricoli.

Modalità di presentazione delle istanze

Per quanto precede si invitano i destinatari della presente a presentare entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 30.06.2021 a mezzo posta elettronica certificata inviata al seguente indirizzo:  pl.terredifrontiera@pec.regione.lombardia.it la seguente documentazione: 

a) autocertificazione dei requisiti morali e, in caso di vendita di alimentari o di somministrazione di alimenti e bevande,
requisiti professionali di cui all’articolo 20 della l. r. 6/2010;
c) titolo in scadenza e/o autorizzazione in essere;
d) carta di esercizio;
e) attestazione annuale in corso di validità;
f) certificato iscrizione ai registri camerali quale ditta attiva, ove non sussistano i gravi e comprovate cause di impedimento
temporaneo all’esercizio dell’attività previste dalle linee guida ministeriali;
e) richiesta di rinnovo

L’ufficio Commercio, successivamente alla scadenza prevista per la presentazione delle domande, procederà alle verifiche del caso per accertare la veridicità di quanto dichiarato dagli istanti e procederà alla revoca delle concessioni in caso di:

- mancata presentazione dell’istanza;

- insussistenza dei requisiti previsti dalla legge e dalle linee guida.

In caso di dichiarazioni mendaci o di verifica di eventuale perdita di requisiti successiva alla presentazione dell’istanza, fatte salve le sanzioni previste dal vigente codice penale, si procederà ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e la concessione sarà revocata d’ufficio.